Salute degli occhi
Cos’è la fotofobia?
15/02/2019

 

La fotofobia è un problema comune, caratterizzato da una forte sensibilità degli occhi alla luce. Si manifesta con un senso di repulsione, dolore oculare a causa all’esposizione a fonti luminose artificiali o naturali.

La fotofobia può essere legata ad un problema temporaneo, ad esempio, subito dopo un intervento chirurgico o in caso di assunzione di determinati farmaci. Nei casi più gravi può essere legato a patologie.

Questa si manifesta a causa della notevole quantità di luce che entra negli occhi, determinando la stimolazione dei fotorecettori della retina, con un successivo impulso dal nervo ottico fino al cervello.

Sintomi

Oltre all’intolleranza alla luce, esistono altri sintomi legati alla fotofobia come: dolore oculare, sensazione di corpo estraneo, vista offuscata, bruciore, abbondante lacrimazione, rossore congiuntivale e difficoltà ad aprire gli occhi. Nei casi più gravi che richiedono un tempestivo intervento i segnali sono: febbre alta, vomito, vertigini, fonofobia.

Quali sono le cause

La fotofobia viene riscontrata per differenti motivi. Elenchiamo le diverse situazioni  che causano una netta sensibilità alla luce.

Patologie oculari come:

o  Abrasione corneale.

Blefarite.

Calazio e orzaiolo

Cataratta.

Cheratocono.

o  Glaucoma.

o  Cheratiti.

Uveite.

o  Retinite pigmentosa.

o  Congiuntiviti (forti infiammazioni ed infezioni oculari).

o  Intolleranza alle lenti a contatto.

Si può manifestare con forti stati febbrili nei casi di:

o  Meningiti.

Cefalee.

o  Nevralgie del nervo del trigemino.

La fotofobia può essere causata dall’assunzione di alcuni farmaci come:

o  Atropina.

o  Doxiciclina.

o  Scopolamina.

o  Furosemide.

o  Tetraciclina.

Può essere legata per conto di carenze alimentari come:

o  Vitamina B2.

o  Magnesio.

Infine, altre cause che possono portare fotofobia sono:

o  Sindrome di Sjogren.

o  Rosacea.

o  Toxoplasmosi

o  Meningite.

o  Lebbra.

Herpes zoster.

o  Ebola.

o  Allergie respiratorie.

o  Rabbia.

o  Neurite ottica.

o  Mollusco contagioso.

o  Lupus.

Altra caratteristica che può portare a fotofobia è il colore degli occhi. Infatti, chi ha gli occhi chiari normalmente è più sensibile alla luce solare e artificiale. Avere l’albinismo, una patologia congenita con ridotta o assenza di melanina, può portare a fotofobia e altre patologie oculari come nistagmo e astigmatismo.

Diagnosi

In caso di fotofobia è consigliata una visita da un medico oculistica per individuare la causa alla base per poi poterla trattare.

Cura

Per trattare la fotofobia è importante risalire alla causa scatenante.

Per la sua cura e per alleviare il fastidio è necessario limitare la luce diretta agli occhi utilizzando occhiali da sole con lenti scure e protezione UV in modo tale da riuscire a proteggersi dalle fonti luminose naturali e artificiali o indossare cappelli a tesa larga.

FacebooktwitterlinkedinFacebooktwitterlinkedin

Join the discussion 2 Comments

  • edna ha detto:

    ne soffro da due lunghi anni a seguito di reazione allergica a farmaci; sto benissimo all’ombra e buio; sempre costretta ad indossare occhiali neri che non alleviano molto il problema; vedo benissimo al buio e la luce e riverbero mi fanno piangere e duole la testa fortemente; mi auguro tutto passi al più presto essendo molto invalidante; cammino all’ombra e sempre con occhi semichiusi… è un serio problema che mi auguro SPARISCA al più presto; solo chi ne soffre davvero può capire !!!

    • Clinica Baviera Italia ha detto:

      Buongiorno Edna, se ha bisogno di informazioni più approfondite per trattare questo disturbo le consiglio una visita a carattere generale con uno dei nostri oculisti, sicuramente le potranno dare delle informazioni più precise. Grazie per averci contattato, buona giornata.

Lascia un commento