Salute degli occhi
Congiuntivite: che cos’é?
21/01/2019

La congiuntivite è una delle malattie dell’occhio più comune che può colpire sia adulti che bambini. Consiste nell’infiammazione della congiuntiva, ossia la sottile membrana mucosa che fodera la sclera (la parte bianca dell’occhio) e parte del bulbo oculare.

Il sintomo più comune è il rossore oculare dovuto all’irritazione dei vasi sanguigni. Colpisce di norma un solo occhio, ma se viene trascurata può insorgere anche in entrambi.

Cause della congiuntivite

La congiuntivite è un disturbo che si manifesta molto spesso e le cause che la possono determinare sono diverse. Può insorgere prevalentemente a causa di:

  • Agenti chimici.
  • Piccoli corpi estranei.
  • Radiazioni ultraviolette, raggi X, calore.
  • Occhio secco (si manifesta a seguito di variazioni ormonali).
  • Dotto lacrimale ostruito nei neonati.

I sintomi della congiuntivite

I sintomi principali della congiuntivite sono legati alla causa che la fa scaturire.Tra i più comuni possiamo evidenziare:

  • Rossore oculare.
  • Fotofobia.
  • Prurito.
  • Produzione di muco (giallastro o verdognolo).
  • Abbondante lacrimazione.
  • Sensazione di sabbia negli occhi.
  • Difficoltà nel tenere gli occhi aperti.
  • Visione compromessa.
  • Ingrossamento dei linfonodi periauricolari e sottomandibolari.
  • Difficoltà nella schiusura palpebrale.

Di norma la congiuntivite è un processo infettivo di facile risoluzione.

Quanti tipi di congiuntivite esistono e quali sono le loro caratteristiche

Sono presenti diversi tipi di congiuntivite che si distinguono in base all’origine del loro movente, le principali sono: congiuntivite irritativa, congiuntivite allergica, congiuntivite virale e congiuntivite batterica.

Congiuntivite irritativa

Stare a contatto diretto con agenti irritanti può favorire questa forma di congiuntivite. In questa situazione la congiuntiva si può irritare a causa di introduzione nell’occhio di:

  • Polveri.
  • Smog.
  • Fumo.
  • Ciglia.
  • Piccoli oggetti.
  • Vento.
  • Cloro nelle piscine.
  • Contatti con prodotti chimici o corrosivi.
  • Prolungata esposizione a lampade solari artificiali.
  • Esposizione alle radiazioni dei raggi solari UV.
  • L’utilizzo di lenti a contatto.

Si manifesta con irritazione della congiuntiva, forte bruciore, prurito e la produzione di molte lacrime, anche con presenza di secrezione.

Congiuntivite allergica

La congiuntivite allergica può dipendere dal cambiamento delle stagioni, si presenta in particolari periodi dell’anno,soprattutto in primavera. La congiuntivite stagionale può dare flogosi perché si trova in presenza di:

  • Pollini.
  • Graminacee.
  • Peli di animale.
  • Muffe.
  • Polveri di casa.

La congiuntivite allergica stagionale può colpire uno o entrambi gli occhi. Queste possono essere prevenute seguendo una terapia profilattica prima della primavera. La congiuntivite allergica può essere causata anche da determinate sostanze presenti in certi cosmetici, come creme per il viso o sostanze presenti nelle lenti a contatto. Questa si manifesta con occhi rossi e gonfi che pizzicano e lacrimano.

Congiuntivite virale

La congiuntivite virale avviene a causa dell’infezione della congiuntiva. Questa situazione è determinata da:

  • Herpes Simplex
  • Herpes Zoster
  • In rari casi anche dal mollusco contagioso.

Questa si può manifestare in uno o entrambi gli occhi ed è caratterizzata da gonfiore, rossore e secrezione sierosa. Inoltre, la congiuntivite infettiva si può presentare con febbre, tosse, mal di gola e rigonfiamento delle ghiandole linfatiche. In queste situazioni è molto importante l’igiene personale lavando spesso le mani, cambiare frequentemente federe del cuscino e asciugamani per evitare di trasmettere il virus.

Congiuntivite batterica

Questa avviene principalmente in occasione di un’infezione batterica. I responsabili di questo tipo di congiuntivite sono:

  • Streptococchi
  • Stafilococchi
  • Haemophilius influenzae
  • Neisseria
  • Gonorrhoea
  • Pseudomonas aeruginosa
  • Chlamydia trachomatis rara infezione del neonato durante il parto.

Questo tipo di congiuntivite si presenta con arrossamento oculare, gonfiore palpebrale e forte lacrimazione.

Prevenzione

Per evitare l’insorgenza della congiuntivite è opportuno seguire delle regole:

  • Una buona igiene personale è molto importante, cercando di evitare di toccarsi gli occhi con mani sporche e evitando lo scambio di cosmetici, asciugamani etc…
  • Se si prende il sole o si fanno lampade solari è importante utilizzare sempre occhiali da sole con lenti certificate con presenza di filtri per i raggi UV.
  • Nei casi di congiuntivite allergica è opportuno eseguire tempestivamente la cura farmacologica preventiva.
  • Se si nuota utilizzare sempre occhialini protettivi per evitare il contatto con il cloro.

Diagnosi

La formulazione di una diagnosi varia a seconda della forma di congiuntivite.

Se si sospetta di avere una congiuntivite è necessario rivolgersi al medico oculista che con una dettagliata analisi degli occhi valuterà il problema e il giusto trattamento.

In certe situazioni può essere necessario eseguire esami colturali o strisce per l’analisi cellulare.

Cure

Le cure farmacologiche possono variare in base al tipo di congiuntivite. Il medico oculista di norma ricorre all’utilizzo di colliri topici o pomate oftalmiche. Nel caso di congiuntivite batterica può essere necessaria una terapia con colliri antibiotici, cortisonici. Nelle forme di congiuntivite virale può essere necessario l’utilizzo di colliri analgesici o medicinali antiinfiammatori presi via bocca.

 

 

FacebooktwitterlinkedinFacebooktwitterlinkedin

Lascia un commento