Prurito agli occhi, cause e trattamento

Salute degli occhi
Prurito agli occhi, cause e trattamento
01/04/2019

 

Il prurito agli occhi è uno dei sintomi oculari più frequenti, può interessare l’occhio destro, sinistro o entrambi. In certe situazioni può indicare uno stato di salute che necessita un tempestivo trattamento, quindi è importante, in tempi brevi, rivolgersi ad un medico oculista.

Cause

Esistono differenti cause che comportano prurito oculare, le più comuni sono:

  • Chimiche: il prurito agli occhi può avvenire per conto di sostanze irritanti presenti nell’aria, tinture per capelli, cloro nelle piscine, detergenti utilizzati per pulire casa, saponi, creme, profumi, cosmetici o colliri.
  • Infezioni alle vie respiratorie: forme influenzali o forti raffreddori possono provocare arrossamenti oculari e prurito.
  • Condizioni ambientali: il pizzicore oculare può essere prodotto da polvere, smog, esposizione al sole senza l’utilizzo di occhiali protettivi ai raggi UV o il fumo di tabacco della sigaretta.
  • Condizioni patologiche: le principali patologie che possono indurre prurito e fastidi oculari sono allergie, congiuntivite virale, congiuntivite batterica, blefarite, sindrome dell’occhio secco, uveite, rosacea, sindrome di Sjorgren.

Un’altra situazione che può indurre a prurito oculare è dovuta alle allergie. L’irritazione agli occhi può essere determinata da:

  • Allergie stagionali: La comparsa è collegata al cospetto di allergeni come: pollini, graminacee, piante erbacee o arboree. Questo avviene perché il sistema immunitario va in contrasto con gli allergeni esterni dando origine a fastidi che possono compromettere le vie respiratorie, la cute e gli occhi. In queste circostanze si parla di congiuntiviti allergiche.
  • Allergie croniche: Nella manifestazione dei pruriti oculari in questo frangente gli allergeni coinvolti sono peli di animali, acari della polvere, funghi o muffe, non allergeni in determinate stagioni ma presenti durante tutto l’anno. Entrambe le allergie in rari casi possono portare a gravi situazioni della vista.
  • Ulteriori cause: esistono altre cause che possono indurre a prurito oculare come le alterazioni del film lacrimale dovuto all’invecchiamento con l’avanzare dell’età, l’assunzione di alcuni farmaci, l’utilizzo prolungato di lenti a contatto, il continuo utilizzo di computer o televisore e il fastidio determinato dalla presenza di un corpo estraneo.

 Sintomi

I sintomi abituali chesi associano a prurito attorno agli occhi possono essere:

  • Abbondante lacrimazione.
  • Occhi rossi.
  • Irritazione.
  • Gonfiore.
  • Bruciore.
  • Fuoriuscita di muco denso.
  • Sensazione di corpo estraneo nell’occhio.

In alcuni casi a causa dell’irritazione oculare possono essere associali altri sintomi come: visione offuscata e forte sensibilità alla luce.

Per di più, oltre ai sintomi legati agli occhi questo può interessare anche altre parti del corpo come il naso: starnuti, scolo retronasale, naso chiuso e congestione nasale.

Esistono espisodi di bruciore agli occhi che possono conferire a gravi malattie, i segnali sono dati da :

  • Inaspettata alterazione della vista, visione intorpidita e sdoppiata.
  • Sanguinamento oculare.
  • Secrezione densa di colore giallastro.
  • Fotopsia.
  • Miodesospie.

Diagnosi

Il prurito agli occhi non è contagioso, ma può essere difficile da affrontare. In queste occasioni se il disturbo continua, è importante effettuare una visita oculistica completa per ottenere dal dall’oftalmologo la formulazione di una corretta diagnosi per poter fornire l’oggettiva indicazione del frammento evitando possibili inconvenienti che potrebbero compromettere la salute dell’occhio.

L’oculista esaminerà gli occhi attraverso la lampada a fessura per assodare eventuali tracce di allergie agli occhi come: l’inspessimento dei vasi sanguigni sulla superficie oculare, congiuntiva biancastra e notevole secrezione filamentosa e appiccicosa.

Trattamenti

Esistono diversi trattamenti per il prurito oculare; questi dipendono dalla causa che lo determina.

Per attenuare i sintomi può essere opportuno effettuare una terapia farmacologica con collirio antibiotico, pomate oftalmiche, utilizzo in abbondanza di lacrime artificiali o antistaminici.

Oppure rimedi naturali come:

  • Sciacquare gli occhi con soluzione salina.
  • Abluzione con acqua fredda.
  • Applicare panni di cotone gelidi.
  • Utilizzare bustine di camomilla ghiacciate.
  • Applicare fette di cetriolo sulle palpebre che hanno proprietà astringenti.
  • Usare il miele, uno dei migliori rimedi contro le irritazioni in virtù delle sue proprietà antibatteriche e antinfiammatorie.

E’ buona regola curare il prima possibile la difficoltà  per evitare di cronicizzare il problema ed eludere anche eventuali complicazioni.

Prevenzione

Quando si manifestano i primi sintomi di prurito oculare è sempre consigliato attenersi a delle importanti regole di prevenzione:

  • Non strofinarsi gli occhi.
  • Lavare sempre le mani.
  • Fare impacchi con acqua fredda sulle palpebre per lenire il prurito.
  • Utilizzare in abbondanza lacrime artificiali lubrificanti.

L’utilizzo di occhiali da sole con protezione ai raggi UV è un ottimo dispositivo di prevenzione. Inoltre, è buona regola generale, quando si utilizzano colliri non appoggiare il beccuccio del flaconcino all’occhio per evitare contaminazioni batteriche.

Un’altra cosa molto importante per chi porta abitualmente lenti a contatto, in caso di prurito oculare è consigliato evitarle optando per gli occhiali, nei casi in qui non se ne può fare a meno è preferibile utilizzare lenti “usa e getta”.

 

Articolo rivisto dal Dottor Marco Moschi, chirurgo oftalmologo di Clinica Baviera Italia.

 

FacebooktwitterlinkedinFacebooktwitterlinkedin

Lascia un commento