Quanto dura una congiuntivite?

Il mondo Baviera
Quanto dura una congiuntivite?
09/01/2019

Hai la congiuntivite? Non sai quanto tempo dovrai convivere con questo disturbo che consiste nell’infiammazione della congiuntiva? Prima di darti questa informazione, cosa ne pensi se ti spieghiamo qualche aspetto in più di questo problema visivo?

La congiuntivite è un disturbo oculare abbastanza comune. Consiste nell’infiammazione di una membrana denominata congiuntiva, che copre la superficie esteriore del bulbo oculare e la parte interna della palpebra.

 Sintomi della congiuntivite

Le persone che soffrono di questo tipo d’infiammazione possono riscontrare diversi sintomi. I più comuni e caratteristici sono:

  • Gonfiore delle palpebre
  • Prurito, bruciore o sensazione di forte calore
  • Arrossamento dell’occhio
  • Incremento della lacrimazione
  • Sensibilità alla luce
  • Comparsa di una mucosa appiccicosa, specialmente in caso di congiuntivite di origine batterica
  • Chimosi o edema nella congiuntiva bulbare o sclerale (congiuntiva che ricopre il bulbo oculare)

In funzione del tipo di congiuntivite compariranno uno o altri sintomi.

 Tipi di congiuntivite

In generale, possiamo distinguere quattro tipi di congiuntivite in base alla loro origine; essi esigeranno differenti trattamenti da parte dell’oftalmologo. Vediamoli di seguito:

Congiuntivite per irritazione. Certe sostanze come la vernice, il cloro della piscina o il fumo, possono irritare gli occhi e favorire problemi alla congiuntiva.

Congiuntivite de tipo virale. Come indica il nome, l’origine di questo tipo de congiuntivite si deve a un virus. Questo tipo d’infezione è molto frequente in inverno. In più, è generalmente accompagnata da raffreddori e catarro. Talvolta, la congiuntivite può essere causata da un herpes nell’occhio. In questo caso, la situazione si aggrava.

Congiuntivite batterica. L’infiammazione della congiuntiva è causata da un’infezione da batteri, come streptococchi o stafilococchi. In questo caso, succede spesso di alzarsi la mattina con le palpebre appiccicate a causa della secrezione di una mucosa durante la notte.

Congiuntivite allergica. La congiuntivite nasce dopo essere entrati in contatto con un allergene. Capita spesso a quelle persone che soffrono di allergia agli acari, al polline o al pelo degli animali. È associata ad alcune allergie stagionali pertanto è più comune in alcuni mesi dell’anno.

Durata della congiuntivite

La congiuntivite è, in generale, una malattia di breve durata. Tuttavia, i sintomi possono durare più o meno tempo a seconda delle cause dell’infiammazione della congiuntiva e in base alla correttezza della diagnosi e all’efficacia della cura.

Di quanto tempo stiamo parlando? Vediamo tutte le situazioni possibili:

Congiuntivite per irritazione. La durata generalmente è di alcuni giorni, in base alla gravità dell’irritazione.

Congiuntivite di tipo virale. Sono quelle che possono durare più a lungo. In generale i sintomi restano presenti per una – due settimane. L’ideale è seguire le indicazioni ricevute dall’oftalmologo per evitare che la durata accresca.

Congiuntivite batterica. La sua durata normalmente oscilla tra i sette e dieci giorni, sempre che sia trattata in correttamente.

Congiuntivite allergica. La durata dipenderà dal tipo di allergia e dal grado di esposizione all’agente che ha causato la congiuntivite. In generale, l’infiammazione agli occhi scompare alcuni giorni dopo essere entrati in contatto con l’allergene, sempre che l’esposizione a quest’ultimo sia cessata.

Come abbiamo visto, la durata di questo problema non dipende soltanto dal tipo di congiuntivite: allergica, virale o batterica. Una corretta igiene e seguire le indicazioni e il trattamento consigliato dall’oftalmologo è essenziale affinché la durata di questo problema visivo non si prolunghi nel tempo.

FacebooktwitterlinkedinFacebooktwitterlinkedin

Join the discussion 2 Comments

  • Alessandro ha detto:

    Salve, a me è durata in bel po’, circa 3 mesi e tutt’ ora sto attento a polveri, luci forti e pulizia.
    Una mattina mi sono svegliato con un occhio rosso e appena gonfio, mi recai alla guardia medica dove mi ha prenotato visita oculistica in ospedale.
    La diagnosi era di congiuntivite batterica acuta occhio destro, mi ha prescritto terapia antibiotica a 360 gradi con colliri ( betabioptal – iodim- floxigen) l’occhio era molto gonfio e chiuso e poi anche l’altro è stato contagiato
    Dopo 10 giorni e passato il gonfiore ma gli occhi rossi dopo altri 8 giorni.
    Dopo cominciano i problemi, vista abbassata sia da lontano che da vicino , sensibilità alle luci sia di giorno che di notte, pc fari di macchine luci di casa e tv
    Stava diventando un problema perché non vedevo bene, la dottoressa della prima visita mi ha prescritto una visita oculistica completa ma ci voleva troppo tempo allora sono andato da un privato, fatta la visita e capito la causa ( sempre congiuntivite batterica ma provocata da con taglio con batteri da influenza ) ed anziché sfogarsi con febbre mi ha intaccato l’occhio .
    Mi ha prescritto il collirio fluaton da usare per una settimana 3 volte al giorno ed il thelaoz duo ( alto collirio per facilitare la pulizia dell’occhio) per un mese
    Subito dopo il 3 giorno ho cominciato a vedere meglio e finita la settimana ho recuperato la vista bene come prima

    • Clinica Baviera Italia ha detto:

      Buongiorno Alessandro, dipende dall’origine della causa che fa scaturire la congiuntivite. Siamo contenti che sia sia tutto riolto, grazie per la sua testimonianza. Buona giornata.

Lascia un commento