Tremolio dell’occhio involontario, possibili cause e rimedi al tremore

Salute degli occhi
Tremolio dell’occhio involontario, possibili cause e rimedi al tremore
04/01/2019

Spasmi, tic e tremolii delle palpebre, anche noti con il nome di miochimie o mioclonie palpebrali, sono piuttosto comuni. Di solito il tremolio è unilaterale e può coinvolgere sia la palpebra inferiore, ma non è raro riscontrare fenomeni di contrazione muscolare brusca anche a carico della palpebra superiore. La contrazione della palpebra si mostra normalmente a carico dei muscoli che consentono la chiusura degli occhi e l’ammiccamento. La comparsa della contrazione mioclonica può essere indotta da uno stimolo o apparire spontanea. In determinate situazioni il tremolio palpebrale ha la caratteristica di un tic nervoso, infatti, si associa spesso a movimenti involontari del volto. La maggior parte degli spasmi oculari sono transitori, anche se possono durare settimane o addirittura mesi.

 Sintomi

Lo spasmo della palpebra è una serie di rapidi movimenti appartenenti ad un singolo o più muscoli. Negli occhi si determina una fase di contrazione (mioclonie positive) alternata ad una fase di rilassamento (mioclonie negative). I sintomi più frequenti associati alla palpebra che trema:

  • Lievi spasmi, paragonabili ad una pulsazione.
  • Affaticamento visivo
  • Lacrimazione
  • Secchezza oculare
  • Rossore oculare
  • Fotofobia
  • Sensazione di corpo estraneo nell’occhio
  • Tensione e dolore bulbare.

Questi si possono associare a fastidi generici come: tachicardia, affaticamento muscolare, insonnia, spasmi, forte sudorazione e iporeflessia.

 Le cause del tremolio palpebrale

La contrazione muscolare delle palpebre, chiamata “miochimia” nel lessico medico, può dipendere da diversi fattori. Vediamoli insieme.

  • Stress e ansia: l’occhio che continua a tremare può essere un segno di stress e di tensione persistente che porta ad un malessere generale, sia sul piano psichico-emotivo, sia sul piano corporeo. Se si vogliono eliminare o ridurre definitivamente le contrazioni muscolari bisogna agire sulla riduzione della causa che ci porta ad essere stressati.
  • Affaticamento degli occhi (astenopia o stress visivo): molte ore davanti al computer, al tablet e allo smartphone può essere una delle cause di stress visivo. Gli spasmi palpebrali si possono manifestare a causa di una concentrazione smisurata in ambito lavorativo.
  • Stanchezza: se non dormiamo e siamo molto stressati, possiamo riscontrare problemi di spasmi della palpebra. In caso di tremore un massaggio può essere d’aiuto: scioglie le tensioni muscolari e rilassa. Per farlo, lavate con cura le mani e procedete con semplici e delicati movimenti alla radice del naso fino alla fine dell’occhio. Il massaggio può aiutare anche ad aumentare la circolazione sanguigna e rafforzare i muscoli oculari. Un piccolo cuscinetto contenente semi di lino, lavanda e camomilla può essere utilizzato la sera prima di addormentarsi per dare benessere agli occhi.
  • Secchezza degli occhi: la maggioranza della popolazione anziana è vittima del problema dell’occhio secco. La secchezza oculare può avvenire a persone che stanno molto tempo davanti al computer, a chi utilizza farmaci come antistaminici e antidepressivi e in chi è portatore di lenti a contatto.
  • Allergie: quando strofiniamo molto gli occhi, si rilascia istamina nelle congiuntive e aumenta la lacrimazione. Sono state fatte verifiche che spiegano che l’istamina stessa può causare spasmi alle palpebre. L’occhio che lacrima troppo o è troppo secco potrebbe essere causa di miochimia.
  • Abuso di caffeina e alcol: l’assunzione di troppa caffeina e alcol possono contribuire a scatenare le contrazioni palpebrali. Sarebbe meglio bere meno tè, caffè, bevande gassate e assumere alcolici.
  • Squilibri nutrizionali: la mancanza di alcune sostanze nutritive, come il magnesio e il potassio, possono causare spasmi palpebrali. Mangiare 5-6 mandorle al giorno può garantire il giusto apporto di magnesio, una banana quello di potassio. Tra gli alimenti più ricchi di questi minerali ricordiamo: frutta secca, legumi, cereali integrali, frutti di mare, cavolfiori, broccoli, patate, uva, ananas, arance, frutti di bosco.
  • Patologie dell’occhio: infiammazioni della congiuntiva, blefarite, glaucoma, abrasioni corneali.
  • Patologie cerebrali: sclerosi multipla, epilessia, morbo di Parkinson (anche se è piuttosto rara).
  • Medicinali: a causa dell’assunzione di farmaci come antistaminici, antidepressivi e decongestionanti.

 Fastidi idiopatici

La maggior parte delle contrazioni palpebrali sono fastidi idiopatici, senza cause apparenti, avvengono all’improvviso e sono di natura benigna, si tratta cioè di una condizione che non è grave né segno di un problema medico: tuttavia, questo movimento continuo dei muscoli degli occhi può essere difficile da trattare.

Forme più gravi di tremolio dell’occhio

In rari casi, gli spasmi palpebrali non vanno proprio via. Alcuni di questi tipi di contrazioni possono essere trattati con successo con iniezioni di Botox, che aiutano ad eliminare gli spasmi muscolari.

Le forme più gravi e meno comuni di spasmi palpebrali sono causate da condizioni neurologiche quali il blefarospasmo e lo spasmo emifacciale. I fattori che determinano un approfondimento medico possono essere:

  • Lo spasmo palpebrale si protrae da più settimane e si manifesta di continuo.
  • L’occhio è molto rosso, dolorante e con molta secrezione
  • La palpebra è cadente
  • La visione appare sfocata
  • La pupilla cambia forma
  • Sono presenti spasmi facciali

 Ma le cause di questi tremolii potrebbero celarsi tra le nostre emozioni

Gli occhi, da un punto di vista spirituale, sono in connessione col sentimento: vengono detti, non a caso, “lo specchio dell’anima” infatti con gli occhi manifestiamo noi stessi, i nostri pensieri, il nostro essere e il nostro sentimento.

Nello specifico l’occhio sinistro è correlato al materno/femminile e alla luna, l’occhio destro al paterno/maschile e al sole. In questo vediamo la perfetta complementarietà degli occhi che manifestano la nostra essenza come perfetta armonia tra opposti.

Nei tremolii agli occhi da un punto di vista psicosomatico possiamo dunque vedere una tensione muscolare che deve trovare sfogo, dovuta all’esigenza di “vederci chiaro” e scaricare un’emozione rispetto a un evento o una persona, relativa al materno femminile (se si tratta di occhio sinistro) o paterno maschile (se si tratta di occhio destro).

 Quando andare dall’oculista?

La palpebra che trema non è considerata una patologia, anzi, spesso viene definita come un fenomeno momentaneo che si risolve in breve tempo. Comunque, è sempre consigliata una visita oculistica se si vogliono maggiori delucidazioni sulla propria situazione.

 Diagnosi

Per verificare la mioclonia palpebrale viene eseguito un esame dettagliato oculistico e neurologico per identificare la causa dello spasmo. Il medico a seconda degli esiti indicherà se necessario ulteriori indagini come: elettromiografia o risonanza magnetica entrambi importanti per poter identificare la causa del tremolio palpebrale e poterlo trattare nel modo più giusto.

 Trattamento

Spesso, rimedi al tremore non sono necessari perché lo spasmo si risolve in breve tempo. In altre situazioni il medico può indicare un trattamento farmacologico a base di antistaminici o benzodiazepine.

A volte può essere effettuata l’agopuntura o il botox, anche se non consente una guarigione definitiva. Mentre, se si è in presenza di tumore al cervello, potrebbe essere necessario effettuare un intervento chirurgico. In certe situazioni, possono essere proposte tecniche di rilassamento come la meditazione o lo yoga.

 

FacebooktwitterlinkedinFacebooktwitterlinkedin

Lascia un commento