Miopia elevata o patologica: cos’è?

Chirurgia Laser
Miopia elevata o patologica: cos’è?
30/09/2020
miopia elevata

La Miopia elevata, miopia alta o miopia patologica è causata dall’allungamento posteriore del bulbo oculare associato ad un assottigliamento delle pareti oculari. La grande miopia è definita da un asse antero-posteriore dell’occhio con una lunghezza assiale maggiore del normale (più di 26 millimetri) o quando il paziente ha più di 6 diottrie.

Fattori di rischio e invalidità

La miopia della elevata  è una patologia potenzialmente invalidante e una delle principali cause di cecità legale, nonché la principale causa di neo vascolarizzazione coroidea tra i pazienti di età inferiore ai 50 anni.

D’altra parte, la miopia è un importante fattore di rischio per il distacco della retina. Più del 40% dei distacchi della retina si verifica negli occhi miopi, e più alto è il rischio, maggiore è il difetto di rifrazione.

Si ritiene che la prevalenza della miopia elevata sia del 2% della popolazione generale. Questa patologia sembra essere correlata al livello degli studi ed è considerata più frequente in Asia orientale (8% in Giappone) e nel Mediterraneo (9,6% in Europa). È più frequente nelle donne.

Quali sono le conseguenze?

I cambiamenti indotti nella retina dell’occhio miope per l’allungamento del bulbo oculare possono portare alla formazione di rotture negli strati della retina con la conseguente formazione di neovascolarizzazione coroidale e atrofia dei tessuti.

D’altra parte, questa crescita esagerata dell’occhio miope provoca un assottigliamento della retina periferica e la comparsa precoce di un successivo distacco del vitreo, fattori che condizionano una maggiore comparsa di fori maculari o di un distacco della retina negli occhi di queste persone con grande miopia.

Quali sono i sintomi e come si diagnostica?

Il paziente miope ha la visione da lontano offuscata o molto offuscata, con una significativa diminuzione dell’acuità visiva, mentre nella visione da vicino l’acuità visiva si mantiene buona ma gli oggetti devono essere posti ad una distanza molto ravvicinata. La miopia magna può essere presente in associazione ad altri problemi di rifrazione come l’astigmatismo o la presbiopia.

È caratteristico di questi pazienti il fatto di presentare lampi luminosi e mosche volanti, quest’ultime sono opacità vitreali mobili che proiettano la loro ombra sulla retina assumendo forme diverse.

I pazienti con miopia patologica che sviluppano una neovascolarizzazione coroideale presentano clinicamente gli stessi segni della Degenerazione maculare legata all’età. Chi sviluppa un distacco della retina presenterà la sintomatologia caratteristica di questa malattia, in particolare un difetto nel campo visivo. La diagnosi di queste patologie si effettua con l’osservazione del fondo oculare tramite l’oftalmoscopia.

Che tipo di complicazioni possono esserci?

La storia naturale della miopia magna è complicata dalla distensione del polo posteriore (eccessivo allungamento del bulbo oculare) e la comparsa di neovascolarizzazione coroidale, fori retinici e distacco della retina. Cioè, da un lato abbiamo la maculopatia miopica se colpisce il polo posteriore e dall’altro le lesioni della periferia della retina predisponenti il distacco di retina.

L’alterazione della macula dovuta alla miopia può avvenire principalmente con la formazione della macchia di Fuchs (neovascolarizzazione coroideale) o l’estensione alla macula dell’atrofia retinica. L’atrofia, che inizia come placche isolate, può coinvolgere vaste aree del polo posteriore e, coinvolgendo l’area maculare può causare una significativa perdita della vista portando, talvolta, i pazienti alla necessità di ausili per l’ipovisione.

A livello della retina periferica troviamo che la degenerazione vitrea, il distacco vitreo posteriore e le alterazioni della retina sono più frequenti tra i pazienti miopi e possono dare origine a piccoli fori nella retina. Tutti questi sono fattori importanti per l’origine del distacco della retina.

Oltre a quelle già menzionate (neovascolarizzazione coroidea e distacco della retina), patologie associate come la cataratta e il glaucoma compaiono più frequentemente nei pazienti con grande miopia che nella popolazione generale e devono essere trattate in parallelo. Ad esempio, nel caso della cataratta, la chirurgia verrà eseguita con l’impianto di lenti intraoculari.

Esiste un trattamento per la correzione della miopia elevata?

Non esiste un trattamento specifico per la miopia magna, quindi l’oculista deve curare le complicazioni che possono insorgere nel corso della malattia.

Se il paziente con grande miopia presenta lesioni nella retina che possono portare al distacco della retina, dobbiamo trattarle preventivamente con la fotocoagulazione laser. Se il paziente viene da noi con un distacco della retina, questo problema visivo deve essere trattato in un centro specializzato con un intervento chirurgico il più presto possibile.

In sintesi, il successo del trattamento delle complicanze della miopia patologica si basa sulla diagnosi più precoce possibile, per cui è essenziale che questi pazienti si sottopongano a controlli regolari effettuati da oftalmologi esperti nel campo della retina.

La miopia elevata in pillole

Che cos’è?

La grande miopia, la miopia alta o la miopia patologica si definisce tale quando la miopia del paziente è molto elevata (sopra le 6-7 diottrie) e determina c’è un eccessivo allungamento del bulbo oculare che si traduce in un allungamento anormale delle strutture dell’occhio, compresa la retina e la coroide.

Quali problemi può causare?

Avere la miopia magna non implica necessariamente avere complicazioni, ma questa patologia è associata ad un aumento del rischio di anomalie oculari come cataratta, glaucoma, alterazioni del vitreo e alterazioni della retina e della coroide.

Come viene trattata?

Lo specialista della retina indicherà il trattamento più idoneo a seconda delle particolarità del paziente e dell’evoluzione della patologia.

Lo sapevi che…?

La Magna miopia può comparire a partire dai 5 o 10 anni e tende a stabilizzarsi entro la fine dell’adolescenza. Tuttavia, a volte può continuare ad aumentare oltre questo periodo della vita.

Questa condizione colpisce solo il 2% della popolazione.

Non ci sono metodi per prevenire questa patologia. Per questo motivo è importante che le persone a rischio si sottopongano a controlli regolari.

Come faccio a sapere se sono miope?

Le persone che presentano alcuni dei fattori di rischio dovrebbero sottoporsi a controlli regolari che includono un esame della vista e un esame completo dell’apparato visivo. Una volta individuati questi fattori di rischio, i controlli di routine saranno finalizzati alla diagnosi precoce di possibili lesioni.

La miopia magna è ereditaria?

La miopia ha una componente genetica importante anche se non necessariamente i figli di una persona con miopia magna svilupperà la stessa patologia (anche se sembra che possano essere più a rischio di sviluppare una miopia semplice). Alcuni studi suggeriscono che ci sono cause poligeniche coinvolte nello sviluppo della miopia.

Può influenzare i bambini?

La miopia magna può verificarsi nei bambini in una piccola percentuale di casi, soprattutto nei pazienti tra gli 8 e i 12 anni in cui le diottrie della miopia aumentano ad un ritmo elevato. In questi casi è necessario curare e controllare l’evoluzione della miopia stabilendo controlli regolari per evitare complicazioni in futuro.

È considerata una disabilità?

Per un paziente con una grande miopia (o qualsiasi patologia visiva che comporti una perdita della vista) per ottenere una disabilità o una invaliditò lavorativa  si valutano l’acutezza visiva e il campo visivo. Pertanto, i casi più gravi e irreversibili di perdita della vista derivanti da un’elevata miopia possono portare all’incapacità lavorativa e alla disabilità.

È un rischio per la gravidanza?

Le donne miopi dovrebbero prestare particolare attenzione durante la gravidanza, soprattutto se hanno degenerazioni retiniche predisponenti. In questo caso, la paziente deve prestare particolare attenzione nella scelta della procedura con cui partorire.

Indipendentemente dal grado, la miopia, può colpire la retina, causando degenerazioni che possono essere aggravate al momento del parto, con il distacco della retina che è una delle complicazioni più gravi che si possono sperimentare.

Per questo motivo, è comune che i ginecologi esortino le loro pazienti a sottoporsi a un consulto oftalmologico prima del parto per conoscere la gravità delle lesioni e, a seconda della diagnosi dell’oculista, a optare per un parto cesareo o naturale.

Articolo supervisionato dal Dottor. Marco Moschi chirurgo oftalmologo di Clinica Baviera Italia.

Fonte: IAPB – Miopia: difetti e disturbi

. . . . .
Nota Bene

I contenuti medici inclusi nel sito web sono stati scritti e rivisti da personale medico qualificato. Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo e non intendono sostituire in alcun modo il parere del proprio medico curante o della visita specialistica. In nessun caso costituiranno la diagnosi o la prescrizione di un trattamento.

FacebooktwitterlinkedinFacebooktwitterlinkedin

Lascia un commento