Occhio gonfio bambino o neonato: sintomi, cause e trattamento

Il mondo Baviera
Occhio gonfio bambino o neonato: sintomi, cause e trattamento
28/03/2019
occhi gonfi bambini Tempo di lettura: 2 Minuti

Gli occhi gonfi nei bambini sono una condizione molto comune, che può essere dovuta a molteplici cause che potrebbero essere classificate in tre gruppi principali: infezioni, allergie e traumi. Di seguito, svilupperemo le cause principali e i trattamenti più comuni in ciascun caso.

Quali sono le principali cause degli occhi gonfi nei bambini?

Congiuntivite: che cos’è?

Di origine virale o batterica, è un’infezione molto comune della congiuntiva che, tra gli altri sintomi, può causare un gonfiore delle palpebre. È una condizione molto comune nei bambini perché, in alcuni casi, è molto facile da diffondere. Può scomparire da sola o richiedere qualche tipo di trattamento con antibiotici o, nel caso di un tipo allergico, antistaminici. 

Orzaiolo: che cos’è?

Gli orzaioli sono cisti ripiene di pus, solitamente benigni e che scompaiono da soli in pochi giorni. Nella maggior parte dei casi per il trattamento è necessario attendere un paio di giorni. Per eliminare il gonfiore è utile seguire misure igieniche preventive e adeguati, ma può anche aiutare ad alleviare il disagio l’applicazione di impacchi caldi e, sotto prescrizione medica, di una pomata o qualche tipo di collirio antibiotico.

Dacriostenosi: che cos’è?

La dacriostenosi è un problema oculare lieve, abbastanza comune nei neonati e nei bambini causato dall’ostruzione del dotto lacrimale. Può causare secchezza degli occhi, irritazione persistente e, in alcuni casi, gonfiore. 

Per facilitare la risoluzione di questo problema, che di solito si risolve spontaneamente, puoi massaggiare delicatamente l’occhio del bambino attraverso la parte superiore del naso per aiutare ad aprire il canale seguendo le istruzioni del medico. Il trattamento antibiotico può essere prescritto dal pediatra in casi molto persistenti ed eccezionali.

Corpo estraneo all’interno dell’occhio

Un’altra causa comune di gonfiore oculare nei bambini è che, per sbaglio, di solito giocando, vengono introdotti alcuni corpi estranei: sabbia, polvere, etc. Questa circostanza solitamente causa, oltre a gonfiore oculare, arrossamento, lacrimazione o dolore. Si può estrarre il corpo estraneo lavando accuratamente l’occhio interessato con un impacco di acqua tiepida. Se non lo tiriamo fuori e notiamo che il corpo estraneo è ancora all’interno o il disagio non diminuisce, è utile andare andare dal pediatra.

Colpi o traumi

Un’altra importante causa di gonfiore agli occhi è trauma o trauma accidentale, comprese fratture intorno agli occhi, tagli e ustioni. Questi tipi di incidenti richiedono cure mediche urgenti per valutare la reale entità della lesione.

Come prevenire gli occhi gonfi nei bambini?

In generale, per evitare il gonfiore degli occhi, ai bambini dovrebbero essere insegnate alcune misure di base come:

  • Evitare di toccare o strofinare gli occhi, soprattutto con le mani sporche, al fine di evitare infezioni.
  • Pulire gli occhi dei neonati e dei bambini piccoli molto bene per ridurre il rischio di infezione.
  • Prevenire la diffusione di infezioni come la congiuntivite facendo attenzione a non condividere asciugamani e altri prodotti per l’igiene, oltre a cuscini con familiari e altri che hanno già mostrato sintomi.
  • Proteggere gli occhi occhi correttamente con occhiali, maschere, ecc. appropriati quando pratichi sport di contatto o rischiosi.
  • Se la causa del gonfiore è un’allergia, cerca di allontanarti dall’agente allergizzante.

Tutte queste misure sono preventive e, a volte, devono essere combinate con i trattamenti indicati dallo specialista.

Articolo rivisto dal Dottor Marco Moschi, chirurgo oftalmologo di Clinica Baviera Italia.

. . . . . .

NOTA BENE

I contenuti medici inclusi nel sito web sono stati scritti e rivisti da personale medico qualificato. Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo e non intendono sostituire in alcun modo il parere del proprio medico curante o della visita specialistica. In nessun caso costituiranno la diagnosi o la prescrizione di un trattamento.

FacebooktwitterlinkedinFacebooktwitterlinkedin

Lascia un commento