Pterigio occhio e opacità corneale

Salute degli occhi
Pterigio occhio e opacità corneale
20/03/2019

 

Alcune persone sviluppano una specie di velo nell’occhio sopra la congiuntiva, che è una sottile membrana trasparente che copre la superficie interna della palpebra e l’area bianca del bulbo oculare. È un’irregolarità nota anche come pterigio.

Questo pterigio causa, oltre a un effetto antiestetico, altri sintomi come:

A parte le conseguenze negative a livello estetico e il lieve disagio il problema principale dello pterigio è che tende a crescere da un lato all’altro dell’occhio, coprendo completamente la cornea e causando una diminuzione progressiva della vista.

Fattori di rischio 

Sebbene le cause della crescita di questa “velo” all’interno dell’occhio non siano state del tutto determinate, ci sono alcuni fattori o attività che possono causarne la comparsa:

  • Esposizione prolungata alla luce solare.
  • Le frequenti prestazioni di sport e altre attività all’aperto e a contatto con l’acqua.
  • Lavorare o essere esposti a sostanze chimiche dannose.

In generale, i bambini hanno una maggiore predisposizione a soffrire di questo problema

Può essere prevenuto?

Anche se non esiste una modalità di prevenzione infallibile, le seguenti raccomandazioni possono ridurre le probabilità che appaia questo velo sgradevole e noiosa nei nostri occhi:

  • Indossare occhiali da sole di qualità.
  • Evitare l’esposizione eccessiva alla luce solare.
  • Seguire una dieta appropriata e benefica per gli occhi, che includa vitamina A, C, E e antiossidanti.
  • Evitare ambienti secchi e polverosi.
  • Cercare di non abusare dell’aria condizionata.

La soluzione per lo pterigio 

Se, nonostante tutte queste raccomandazioni, state sviluppando lo pterigio, l’unica soluzione veramente efficace è un piccolo intervento chirurgico. È un’operazione semplice e ambulatoria che consiste nell’estrazione della membrana dopo l’applicazione di un anestetico locale. I risultati di questa operazione sono positivi nella maggior parte dei casi, anche se è necessario prendere una serie di misure preventive per raggiungere i seguenti obiettivi:

  • Evitare infezioni ed emorragie dopo l’operazione.
  • Garantire una rapida guarigione.
  • Evitare che lo pterigio compaia di nuovo, cosa che può accadere in alcuni casi.

Vogliamo concludere il post sottolineando che, anche se entrambi i disturbi hanno in comune il sintomo della visione offuscata, lo pterigio non deve essere confuso con la cataratta, poiché quest’ultima si verifica perché il cristallino naturale perde la sua trasparenza. Un’altra importante differenza è che lo pterigio può apparire a qualsiasi età, essendo ancora più frequente nei bambini, mentre l’opacizzazione della lente è solitamente una conseguenza del passare del tempo, quindi la cataratta colpisce quasi sempre le persone anziane.

 

 

FacebooktwitterlinkedinFacebooktwitterlinkedin

Lascia un commento