Dacriocistite: cos’è?

Salute degli occhi
Dacriocistite: cos’è?
26/01/2021
dacriocistite

La dacriocistite è l’infiammazione del sacco lacrimale, una delle parti dell’apparato lacrimale che è il sistema responsabile della produzione di lacrime all’interno del bulbo oculare (nella ghiandola lacrimale) e del suo drenaggio.

Questa infiammazione corrisponde ad un’infezione acuta o cronica nella suddetta zona e di solito colpisce un solo occhio (è unilaterale). La dacriocistite è la forma più comune di infiammazione dei dotti lacrimali e di solito colpisce soprattutto i neonati (l’infezione congenita si verifica al momento del parto o è dovuta all’ostruzione congenita del dotto lacrimale) e le donne oltre i 40 o 50 anni di età.

Cosa causa la dacriocistite?

La causa principale della dacriocistite è l’ostruzione del dotto lacrimale, sia nei bambini che nei pazienti adulti, principalmente il dotto lacrimale (dacriostenosi) che collega il sacco lacrimale alla cavità nasale. Questa ostruzione provoca l’accumulo di lacrime nel sacco lacrimale, lacrimazione e, di conseguenza, la comparsa di alcuni tipi di batteri. Altre cause di dacriocistite, anch’esse legate all’ostruzione, possono essere traumi nasali, congiuntiviti croniche, blefarite, polipi o bassa ipertrofia turbolenta.

Quali sono i sintomi?

I principali sintomi della dacriocistite sono

Il trattamento della dacriocistite dipenderà dalla causa che l’ha prodotta e se si tratta di un processo acuto o cronico.

Sintomi della dacriocistite neonatale

I principali sintomi di questo problema congenito sono:

  • Presenza di epifora o di lacrimazione passiva e costante (questo sintomo fa sì che il medico differenzi questa patologia dal glaucoma congenito).
  • Crosta sulle palpebre.
  • Ridimensionamento della pelle della palpebra inferiore.
  • Presenza di una ciste nell’angolo interno dell’occhio e sul retro del naso a causa di un’infiammazione del sacco lacrimale.
  • Congiuntiva ridimensionata.
  • Aspetto di pus.

Diagnosi: su cosa si basa?

La diagnosi di dacriocistite si basa di solito sui sintomi e sui risultati dell’esame fisico del paziente.

Dacriocistite acuta e cronica: cos’è?

La dacriocistite è una patologia che può essere classificata secondo la cronologia dell’infezione in acuta o cronica.

La dacriocistite acuta è un’infiammazione che produce un dolore considerevole e richiede un trattamento precoce, non per la sua gravità, ma per evitare possibili complicazioni successive nella salute visiva del paziente. Nel giro di poche ore, provoca infiammazioni, edemi, eritemi e dolori. In alcuni casi, vi è anche secrezione, infezione delle strutture perioculari (tessuti che circondano il sacco lacrimale come le palpebre) e persino accumulo di pus dalle secrezioni con il rischio che l’ascesso si rompa e formi una fistola.

Quali sono i sintomi della dacriocistite acuta e cronica?

La dacriocistite cronica ha di solito sintomi più lievi ma ricorrenti: lacrimazione continua, secrezioni e arrossamenti degli occhi causati dallo sviluppo cronico dei germi. L’infezione cronica può essere acuta.

Oltre a questi due tipi di dacriocistite, l’infezione del neonato può essere causata dall’ostruzione congenita o dal restringimento del condotto lacrimale dovuto all’esistenza di una membrana che ostacola o impedisce il drenaggio delle lacrime.

Come curare una dacriocistite acuta all’occhio?

La dacriocistite acuta richiede un trattamento urgente che consiste in un trattamento antibiotico (orale o endovenoso), antinfiammatorio e/o analgesico per evitare complicazioni e fermare l’infezione. Se si è formato un ascesso, può essere necessario praticare un’incisione e drenare chirurgicamente il materiale trattenuto, se esiste.

Se il trattamento con antibiotici e farmaci antinfiammatori non funziona o se la dacriocistite diventa cronica e si verificano episodi ricorrenti, è molto comune per l’oculista optare per la chirurgia, e possono essere utilizzate diverse tecniche chirurgiche. La procedura più comunemente usata è la dacriocystorhinostomia, che consiste nel creare un nuovo condotto per drenare il sacco lacrimale e il naso.

Nel caso di trattamento della dacriocistite nei neonati, le procedure possono essere conservative e/o innocue (compressione del sacco lacrimale) o chirurgiche mediante cateterizzazione del dotto lacrimale, a seconda della situazione in cui si trova il problema e dell’età del paziente. Attraverso il test di Jones, lo specialista verificherà se il trattamento è stato efficace o meno.

Quando è consigliato l’intervento?

Nella maggior parte dei casi che si verificano negli adulti, il trattamento con farmaci antibiotici è di solito sufficiente a risolvere la situazione. Tuttavia, quando si tratta di dacriocistite cronica, la chirurgia è di solito il trattamento di scelta per l’oculista specializzato nei dotti lacrimali.

D’altra parte, nel caso della dacriocistite neonatale, nel 90% dei bambini affetti da questa patologia dell’occhio la causa dell’ostruzione del dotto lacrimale scompare di solito da sola tra i 9 e i 12 mesi di età. Se questa situazione non viene risolta, si possono adottare misure alternative, sia conservative che chirurgiche.

Esistono complicazioni se non viene trattata?

La dacriocistite non trattata, o dacriocistite non ridotta dall’uso di determinate misure mediche, può portare a:

  • Cellulite periorbitale. Questo problema è un’infezione della palpebra o della pelle intorno all’occhio. È meno grave della cellulite orbitale.
  • Dermatite.
  • Congiuntivite.

Articolo supervisionato dal Dott. Federico Fiorini, Direttore Sanitario e chirurgo oftalmologo di Clinica Baviera Bologna.

Fonte: Dacriocistite – MSD Manuals


Nota Bene

I contenuti medici inclusi nel sito web sono stati scritti e rivisti da personale medico qualificato. Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo e non intendono sostituire in alcun modo il parere del proprio medico curante o della visita specialistica. In nessun caso costituiranno la diagnosi o la prescrizione di un trattamento.

FacebooktwitterlinkedinFacebooktwitterlinkedin

Lascia un commento