Anelli Intrastromali o Intracorneali per cheratocono

Salute degli occhi
Anelli Intrastromali o Intracorneali per cheratocono
14/07/2021
cheratocono Tempo di lettura: 2 Minuti

In questo articolo spiegheremo cosa sono gli anelli intrastromali o intracorneali e la loro efficacia nel trattamento del cheratocono e dei suoi sintomi.

Gli anelli intrastromali, anche chiamati anelli intracorneali, costituiscono una tecnica alternativa per la cura del cheratocono, una malattia della cornea che consiste nella deformazione di questo tessuto, che acquisisce una forma a cono. Questo provoca una progressiva alterazione della vista, rendendola sempre più offuscata. Per migliorare la qualità visiva in pazienti con cheratocono è consuetudine che questo trattamento sia associato all’impianto di lenti fachiche e/o con il cross-linking corneale.

Gli anelli intrastromali sono segmenti semicircolari di materiale acrilico dallo spessore e lunghezza variabili. Sono utilizzati per rafforzare la cornea e per rallentare la progressione del cheratocono e dei difetti refrattivi che provoca, in particolare l’astigmatismo.

In quali casi si esegue?

Questa tecnica è principalmente vantaggiosa per i pazienti in cui la malattia non si trova ancora in fasi molto avanzate, per evitare il trapianto di cornea. Il profilo del paziente candidato all’impianto degli anelli è quello di una persona affetta da cheratocono o da qualsiasi alto tipo di astigmatismo irregolare e che non tollera le lenti a contatto o di soggetti che presentano una deformazione corneale e che, anche utilizzando correzioni (come occhiali o lenti a contatto), non riescono a vedere correttamente. Con questa tecnica, che è completamente reversibile, non si vuole correggere l’intera graduazione, anche se il paziente può percepire che quest’ultima sia ridotta.

L’obiettivo del trattamento è regolarizzare la cornea e trasformare quanto più possibile l’astigmatismo irregolare in astigmatismo regolare o miopia, portando a migliorare la visione con gli occhiali e ad una maggiore tolleranza alle lenti a contatto.

Chirurgia per l’impianto di anelli intrastromali o intracorneali

Per garantire il successo di questa tecnica, il chirurgo deve eseguire un accurato esame pre-operatorio al fine di determinare con la massima precisione possibile di quali tipi di anelli il paziente abbia bisogno e in quale posizione debbano essere impiantati.

L’operazione consiste nella creazione di “tunnel o canali” nello strato centrale della cornea (cosiddetto “stroma”). Successivamente, il chirurgo impianterà gli anelli lungo questo canale. Il recupero visivo è solitamente rapido, poiché i pazienti normalmente riprendono le loro attività quotidiane nell’arco di 48-72 ore in condizioni normali. La stabilizzazione corneale di solito avviene intorno alle dodici settimane.


Nota Bene

I contenuti medici inclusi nel sito web sono stati scritti e rivisti da personale medico qualificato. Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo e non intendono sostituire in alcun modo il parere del proprio medico curante o della visita specialistica. In nessun caso costituiranno la diagnosi o la prescrizione di un trattamento.

FacebooktwitterlinkedinFacebooktwitterlinkedin

Lascia un commento