Misurazione della tensione oculare

La misurazione della tensione oculare, é una delle prove che viene realizzata durante la valutazione di idoneità al trattamento ed é fondamentale per stabilire se un paziente é idoneo o no alla chirurgia laser per poter risolvere i problemi di vista causati da miopia, ipermetropia e astigmatismo.

La tensione intraoculare è la pressione esercitata dal liquido presente all’interno del bulbo oculare, chiamato corpo vitreo, sulle strutture più solide, come la cornea e il cristallino, che ha la funzione di aiutare l’occhio a mantenere la sua forma sferica. Normalmente, vengono considerati normali valori di pressione intraoculare quelli che si trovano tra i 10 e i 20 millimetri di mercurio (mmHg). La misurazione della pressione intraoculare è uno dei test più comuni a cui viene sottoposto l’occhio, perché la pressione intraoculare è uno dei principali fattori da considerare nella diagnosi e monitoraggio del glaucoma, che rappresenta la seconda causa di cecità nel mondo. È importante sottolineare che la misurazione della pressione intraoculare è un test per diagnosticare il glaucoma, ma non la unica.

La pressione intraoculare non è costante, in quanto può variare nel corso della giornata a causa di diversi fattori. Inoltre, la misurazione della pressione intraoculare di solito non è precisa. Perciò, se il medico osserva dei valori anomali in un paziente, può consigliare di eseguire misurazioni multipli in tempi diversi e in giorni diversi.

La tonometria

La tensione intraoculare viene calcolata con un test chiamato tonometria, questo test può essere eseguito in due modi diversi:

  1. Il primo, é attraverso la tonometria di non contatto (tonometria di aria o tonometria pneumatica). Si tratta di un test assolutamente indolore e non invasivo in cui il paziente riceve solo un soffio d’aria nell’occhio. Questo soffio provoca un appiattimento della cornea, che determina a sua volta il valore della tensione intraoculare. Questo é il tipo di tonometria che fornisce i valori meno precisi.
  2. Il secondo viene realizzato con la tonometria di contatto o appiattimento.  Prima di realizzare questa prova, il medico instillerà una goccia di anestetico in ciascun occhio, per far in modo che anche questo metodo sia indolore, e successivamente toccherà la cornea con il tonometro con cui ottiene il valore della tensione intraoculare.

tensione oculare post

 

Misurazione della tensione oculare
0 votes, 0.00 avg. rating (0% score)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP-SpamFree by Pole Position Marketing